Dal 1° gennaio la banca in difficoltà potrà attingere dal conto corrente

Dal 1° gennaio la banca in difficoltà potrà attingere dal conto corrente

A partire dal 1° gennaio 2016, anche in Italia sarà applicata la direttiva Brrd (Bank recovery and resolution directive). È la direttiva europea del cosidetto bail-in che cambia radicalmente il paradigma del correntista bancario che, in caso di difficoltà finanziarie dell’istituto, può diventare compartecipe delle perdite. Prima di questa direttiva la prassi ha portato a utilizzare il meccanismo del bail-out. In caso di salvataggio di una banca sono intervenuti gli Stati e quindi indirettamente tutti i contribuenti.

Adesso l’Eurozona, tramite la nuova direttiva, intende cambiare modus operandi: se una o più banche sono in difficoltà non sono gli Stati a doverle salvare (e quindi in via indiretta i contribuenti attraverso più tasse) ma direttamente chi ha un rapporto con quell’Istituto e cioè azionisti, obbligazionisti e correntisti per le somme da € 100.000 in su ad intestatario.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone