Spese Sanitarie Detraibili dal 730 o Unico: lista anche delle spese escluse

Spese Sanitarie Detraibili dal 730 o Unico: lista anche delle spese escluse

Le spese mediche e sanitarie sostenute dal contribuente nell’anno d’imposta danno diritto alla
detrazione d’imposta del 19% o alla deduzione dal reddito.
Le spese si possono suddividere in:
1) Spese per patologie esenti dalla spesa pubblica detraibili al 19%
2) Spese sanitarie soggette alla franchigia di € 129,11
3) Spese sanitarie patologie esenti per familiari non a carico
4) Spese sanitarie per disabili
5) Spese veicoli per disabili
6) Spese per l’acquisto di cani guida
7) Spese mediche e di assistenza dei portatori di handicap
Qui di seguito si vuole dare chiarezza ad alcune spese mediche e sanitarie per illustrare se sono
detraibili o deducibili e cosa occorre per detrarsele-dedursele:
1) Agopuntura: è ammessa la detrazione delle spese per agopuntura purchè certificate da ricevuta
fiscale o fattura rilasciata dal medico o dal ticket; non è pertanto necessaria la prescrizione
medica.
2) Biologo nutrizionista: il biologo nutrizionista non è un medico ma un laureato in biologia con
specializzazione in scienze dell’alimentazione. Per svolgere tale professione deve essere iscritto
nella sezione A dell’Ordine Nazionale dei Biologi. Per detrarsi pertanto la spesa occorre la
prescrizione medica.
3) Cartella clinica: le spese sostenute per il rilascio della cartella clinica non sono spese mediche
pertanto non si possono detrarre.
4) Chiroterapia: le spese sostenute per prestazioni rese da un chiropratico si possono detrarre
purchè prescritte da un medico ed eseguite in centri autorizzati e sotto la responsabilità di uno
specialista. Non esiste in Italia un albo dei chiropratici.
5) Degenze e ricoveri: sono detraibili le spese sostenute per il ricovero o la degenza in istituti
ospedalieri sia che siano collegati ad un intervento sia che non lo siano. Tra le spese detraibili
devono intendersi ricomprese anche quelle sostenute per la differenza di classe ad es. la
camera singola, il bagno in camera, … non sono invece detraibili gli extra es. aria condizionata,
televisore, telefono, … . Se la ricevuta fiscale o la fattura non tiene distinto la spesa che dà
diritto alla detrazione dalle spese extra, tutta la spesa è non detraibile. Non sono detraibili le
spese sostenute per il ricovero di anziani in istituti di assistenza, ma sono detraibili le spese
mediche sostenute il cui importo deve essere distinto in fattura.
6) Dietista: il dietista, come il podologo, il fisioterapista, il logopedista, l’infermiere è un
professionista riconosciuto, pertanto la prestazione è detraibile senza la necessita della
prestazione medica.
7) Dispositivi medici: la semplice dicitura di dispositivo medico sullo scontrino non è sufficiente per
portare la spesa in detrazione, in quanto il contribuente deve essere in grado di dimostrare che
il dispositivo è contraddistinto da marcatura CE. Non esiste un elenco dei dispositivi medici
detraibili, tuttavia il Ministero della Salute ha fornito un elenco non esaustivo. Il contribuente
pertanto deve conservare oltre allo scontrino il documento contenente la marcatura CE (es la
scatola…). Es di dispositivi medici detraibili: lenti oftalmiche, apparecchi acustici, cerotti,
termometri, apparecchi per areosol, pannoloni per incontinenza, test di gravidanza, materassi
ortopedici, …
8) Erboristeria: sono detraibili anche se acquistati in erboristeria i dispositivi medici e i medicinali
purchè siano rispettati i requisiti previsti dalla normativa. Non possono essere detratte le spese
per l’acquisto di prodotti alimentari o integratori alimentari anche se supportati da prescrizione
medica.
9) Fisiokinesiterapia/chinesiterapia: sono detraibili le spese per fisiokinesiterapia, chinesiterapia, magnetoterapie e laserterapia. Se le prestazioni sono rese da fisgure professionali riconosciute quali l’infermiere, il fisioterapista, etc… sono detraibili senza prescrizione medica, altrimenti la stessa necessita.
10) Fitoterapici: non sono detraibili.
11) Ginnastica posturale: sono detraibili le spese relativi a corsi di ginnastica posturale, correttiva
prescritti da un medico.
12) Intervento estetico: non è detraibile.
13) Ippoterapia: le spese sostenute per ippoterapia (come per la musicoterapia) di per sé non sono
detraibili in quanto gli effetti benefici non sono scientificamente provati. La spesa sostenuta nei
confronti di soggetti portatori di handicap possono essere detratte purchè nella prescrizione
medica sia indicata la necessità di tali terapie per la cura della patologia di cui è affetto il
portatore di handicap.
14) Naturopata: non sono detraibili le spese in quanto il naturopata non è riconosciuto né come
medico né come figura professionale.
15) Omeopatico: sono detraibili sia i medicinali omeopatici che le spese rese dall’omeopata.
16) Osteopata: l’attività svolta dall’osteopata non è considerata in Italia un’attività medico sanitaria,
pertanto non è detraibile.
17) Parafarmaco: il parafarmaco non è detraibile.
18) Preparazione galenica: per consentire la detrazione della spesa sostenuta per le preparazioni
galeniche è necessario che nello scontrino parlante si indicata la natura (medicinale o farmaco),
la qualità, la quantità ed il codice fiscale del contribuente.
19) Presidio medico chirurgico: non è detraibile la spesa certificata con la semplice dicitura “presidio medico chirurgico”.
20) Riflessologia: le spese sostenute per cicli di riflessologia non sono detraibili. La riflessologia
insieme alla naturopatia, ai massaggi shiatsu e le altre prestazioni di medicina olistica non sono rese da personale medico o paramedico.
21) Terme: le spese sostenute per le cure termali sono detraibili purchè il contribuente abbia a
disposizione la prescrizione medica. Non sono detraibili le spese di soggiorno.
22) Trapianto organi: le spese inerenti al trapianto d’organi sono detraibili, così anche le spese
relative all’intervento chirurgico e al trasporto dell’organo.
23) Veicoli: le spese sostenute per a) l’acquisto di motoveicoli e veicoli adattati in funzione delle
limitate capacità motorie dei soggetti portatori da handicap; b) l’acquisto di autoveicoli prodotti
in serie per il trasporto di non vedenti, sordi, soggetti con handicap psichico o mentale,
soggetti affetti da pluriamputazioni, invalidi con limitazioni alla capacità di deambulare e c) le
riparazioni non rientranti nell’ordinaria manutenzione (es carburante, lubrificante, …); sono
detraibili. Ai fini della detrazione è necessaria la fattura, la certificazione di invalidità, copia della
carta di circolazione, copia della patente di guida.

Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone