Archive for the
‘Studio Marinelli & Giannobi’ Category

Arriverà a LUGLIO per i dipendenti, ma non sarà automatico. Spetterà anche a chi ha la partita Iva o è in disoccupazione o pensionato

L’indennità una tantum di 200 euro non è erogata in automatico a tutti i dipendenti privati perché è necessario rispettare alcuni requisiti soggettivi per ottenerla:

In particolare spetta a chi:

– non è titolare di trattamenti pensionistici o reddito di cittadinanza

– ha beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% nel primo  quadrimestre 2022 e ha avuto quindi un reddito imponibile mensile massimo di  2.692 euro in uno di questi mesi.

– è in forza al 1° luglio 2022

Fac-simile richiesta:

DICHIARAZIONE ARTICOLO 31 D.L. N. 50/2022 INDENNITÀ UNA TANTUM PER I LAVORATORI DIPENDENTI
Il sottoscritto ___________________________,
nato a __________________(___ ) il______/_______/_______,
residente in __________________(___) in Via/le ___________________________, n. ____, codice fiscale ________________________,
in qualità di lavoratore dipendente del datore di lavoro ____________________________________,
P.iva ______________________ , con riferimento a quanto previsto dall’articolo 31 del D.L. n. 50/2022 e consapevole delle conseguenze in caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero,

DICHIARA

• sotto la propria responsabilità di avere diritto all’indennità una tantum per i lavoratori dipendenti di 200 euro prevista dall’articolo 31 del D.L. n. 50/2022, da erogare per il tramite del datore di lavoro nel mese di luglio 2022, in quanto non risulta titolare delle prestazioni di cui all’articolo 32, commi 1 e 18 del D.L. n. 50/2022;

• di non aver diritto, o comunque si impegna a non dichiarare ad altri datori di lavoro di averne diritto, ulteriori indennità di cui all’articolo 31 del D.L. n. 50/2022 in quanto consapevole che a ciascun avente diritto l’indennità spetta una sola volta;

• Di aver beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% previsto dall’articolo 1, comma 121, della Legge n. 234/2021 nel primo quadrimestre 2022 per almeno una mensilità (eventuale per coloro che non risultavano in forza nel primo quadrimestre 2022).
Luogo e data ___________ ____/_____/2022            In fede ____________________

Per pensionati e dipendenti pubblici sarà l’ Inps a determinare se spetta o meno il bonus 200 euro.

Nel caso di lavoratore con contratto part-time il bonus 200 euro non verrà dimezzato ma spetterà nella misura intera prevista.

Per chi percepisce l’indennità di disoccupazione non è necessario fare una richiesta formale,  viene effettuata direttamente dall’Inps, in automatico, ai percettori di Naspi e di Dis-Coll per il mese giugno 2022.  Il bonus previsto dal decreto Aiuti spetta anche a coloro che nel corso del 2022 stanno percependo l’indennità di disoccupazione agricola relativa al 2021.

I PENSIONATI devono essere residenti in Italia, essere titolare di almeno un trattamento pensionistico da previdenza obbligatoria (dal 30 giugno 2022), essere titolari di reddito personale lordo 2021 inferiore a 35mila euro

Possono ottenere il bonus anche coloro che percepiscono pensione o assegno sociale oppure assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti.

L’erogazione è automatica dopo i controlli fatti dall’Inps quindi non è necessario farne richiesta o presentare documentazione.

Nei nuclei familiari con all’interno un percettore del reddito di cittadinanza, il bonus 200 euro non spetta a tutti gli altri componenti, anche se rispettano tutti gli altri requisiti. Spetta quindi solo un bonus per nucleo familiare.

L’indennità una tantum spetti anche a lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali obbligatorie Inps. Modalità di richiesta in fase di emanazione.

L’indennità spetta anche a chi è titolare di contratti di lavoro autonomo occasionali una volta superati i 5.000 euro  . È pero necessario rispettare due importanti requisiti per poter ottenere il bonus 200 euro: essere iscritti alla gestione separata Inps e aver versato almeno un contributo mensile nel 2021.

Il bonus non sarà soggetto a tassazione per tutti i soggetti beneficiari.

Dal 1° marzo 2022 per effetto della Legge n. 15/2022, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio 2022, di conversione del D.L. 228/2021 conosciuto come Decreto Milleproroghe, il limite per i pagamenti in contanti dal 1° gennaio 2022 torna ad essere pari ad euro 1.999,99, mentre solo a partire dal 1° gennaio 2023 sarà di euro 999,99;

La novità, però, avrà effetto anche con riferimento a eventuali violazioni commesse dall’inizio dell’anno, cioè allorquando il limite è temporaneamente sceso a 1.000 euro. Si applica, infatti, il principio del favor rei, quindi eventuali trasferimenti di denaro, oltre la soglia ora modificata, è come se non fossero mai stati effettuati a condizione, però, di non aver superato la soglia di 1.999,99 euro.
È vigente il divieto di frazionare l’operazione al fine di aggirare il limite massimo. Il divieto di superare il limite vale anche quando il trasferimento sia effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati.
Per operazione frazionata si intende un’operazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabiliti dal D.Lgs. n. 231/2007, posta in essere attraverso più operazioni, singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi e in un circoscritto periodo di tempo fissato in 7 giorni.
Sembrerebbe, quindi, che se il frazionamento dell’operazione fosse effettuato in un arco temporale più ampio, ad esempio di 8 giorni, il comportamento sia corretto, ma in realtà non è così. Infatti, la disposizione citata continua precisando che rimane ferma la sussistenza dell’operazione frazionata quando ricorrano elementi per considerarla tale. In questo caso, quindi, non assumerà alcun rilievo il limite temporale di 7 giorni.
In buona sostanza deve essere verificato di volta in volta se sussistano elementi tali da far ritenere che il frazionamento dei pagamenti sia effettuato con lo specifico intento di “aggirare” il limite al trasferimento del denaro contante.
Non configura alcuna violazione della disposizione il pagamento in due o più rate di una fattura, a condizione che i singoli importi corrisposti siano inferiori al limite di 2.000 euro. Ciò anche laddove l’importo complessivamente corrisposto fosse superiore a tale limite massimo.
Infatti, rientra nella prassi commerciale il pagamento dei fornitori a 30, 60 e 90 giorni data fattura. Il pagamento in più rate della somma dovuta non è effettuato con lo specifico intento di eludere la soglia.
Non deve essere osservato alcun limite con riferimento alle operazioni di versamento o prelevamento bancario. In tal caso il soggetto non sta effettuando alcun trasferimento denaro in favore di soggetti diversi. Infatti, il denaro è nella sua disponibilità in quanto in giacenza sul conto corrente e continua ad essere nella sua disponibilità dopo il prelievo.
Tuttavia, pur non configurandosi in astratto alcuna violazione, l’eccessivo e frequente utilizzo del denaro contante potrebbe indurre l’istituto di credito a sospettare che le operazioni sono poste in essere con finalità di riciclaggio. Potrebbero quindi essere chieste spiegazioni sulla provenienza del denaro o sulle finalità del prelievo. Diversamente, qualora le indicazioni non fossero convincenti, l’istituto di credito potrebbe effettuare all’UIF la comunicazione di operazione sospetta.

L’identità digitale è ormai fondamentale per accedere ai servizi online forniti dalla Pubblica amministrazione, dall’Inps all’Agenzia delle entrate, da Pago PA ai vari servizi offerti in ambito comunale, la Spid o la carta d’identità elettronica sono diventate la chiave di accesso unica ai servizi digitali. Ogni cittadino quindi, se vuole operare in modo veloce senza doversi recare presso gli sportelli fisici della PA deve possedere la Spid.

Spid è un sistema di identificazione e login unico per l’accesso ai servizi online della pubblica amministrazione, ma anche privati. Una volta richiesta e abilitata, l’identità digitale consente a cittadini e imprese di accedere ai servizi da qualsiasi dispositivo: computer, smartphone e tablet.

Può essere utilizzato ad esempio per:

  • accedere ai servizi online sul sito dell’Inps (per presentare domanda di pensionamento ad esempio) e dell’Agenzia delle Entrate ;
  • accedere all’anagrafe sui siti dei Comuni che hanno implementato il sistema e ottenere certificazioni a distanza, oppure per accedere al proprio fascicolo sanitario elettronico quando presente sul sito della propria Regione;
  • per accedere all’app IO con cui, ad esempio si può ottenere il Green pass;
  • per l’iscrizione dei figli alle scuole primarie e secondarie, di primo e di secondo grado, in alternativa alla registrazione al sito del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR);
  • per accedere a pagoPA, il sistema di pagamenti elettronici verso la pubblica amministrazione.

Per richiedere le proprie credenziali Spid è necessario essere maggiorenni ed avere un numero di cellulare attivo, indirizzo email, Documento d’identità e Tessera sanitaria in corso di validità.

Presso il nostro Studio in qualità di Speed Point Namiral siamo in grado di emettere e attivare lo Spid in breve tempo al massimo in giornata. Visita il nostro sito e contattaci per un appuntamento.

Da gennaio 2023 una sanzione “pos” di 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione a carico degli esercenti o professionisti che rifiutano pagamenti a mezzo carte di credito, carte di pagamento, prepagate, e, in genere, mezzi di pagamento elettronici.

L’obbligo Pos che c’è già dal 2015 ma finora senza sanzioni diventerà più efficace con le nuove sanzioni mala norma sarà di difficile attuazione, perché di fatto imporrà un obbligo di denuncia, a carico dell’utente verso l’esercente, e questo potrebbe essere censurabile sia perché trasferisce di fatto ai cittadini ruoli di “polizia”, di discutibile efficacia, sia perché la gestione delle irregolarità non potrà che essere farraginosa e complessa, non esente da complicazioni dovute anche alla infinita varietà dei casi che si potrebbero presentare, non ultimo quello dell’operatore che possiede il terminale per il pagamento ma non lo utilizza.

Questa previsione realizzerebbe una stretta all’utilizzo del denaro contante nelle transazioni commerciali che si aggiungerebbe alla riduzione del limite ai pagamenti in contanti, già disposta a partire al 1° gennaio 2022, a € 999,99 rispetto agli attuali € 1.999,99.

Così recita il Decreto Recovery, convertito in legge a fine dicembre con pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre.

error: Contenuti protetti !!! Su queste pagine non è permesso copiare o estrarre contenuti.